Beta 1.1.0

Open Data del Comune di Milano: linee guida

  • Stampa
  • E-mail
 

Il Comune di Milano individua nel paradigma dell’Open Government una via per creare una PA aperta e che dia vigore all’innovazione nei confronti di cittadini ed imprese: gli  open data rappresentano uno dei capisaldi di tale strategia.

Il principio fondamentale degli open data è che i dati pubblici, nel rispetto della normativa vigente, appartengono alla collettività e come tali devono essere ri-utilizzabili da chiunque ne abbia interesse.

Elementi fondanti della riutilizzabilità dei dati pubblici sono:

  • diffusione senza restrizioni e in formati elettronici standard e aperti;
  • utilizzo di strumenti legali standard – attraverso l’adozione di licenze improntate al  sistema di licenze Creative  Commons (cioè senza diritti d’autore);
  • gratuità della ri-utilizzabilità e della re-distribuibilità dei dati;  riutilizzabilità immediata di tutti i dati aggregati ed anonimi.
Attraverso  gli  Open  Data il  Comune di Milano  valorizzerà il  proprio  patrimonio  informativo e molti dati (alfanumerici e cartografici) erroneamente ritenuti inerti  invece sono dotati  di un  elevato valore potenziale.

La diffusione dei dati pubblici in un unico portale permetterà di:

  • favorire la democrazia partecipativa:  rendere i cittadini maggiormente consapevoli  della realtà in cui vivono, effettuando scelte che soddisfano i propri bisogni in modo adeguato;
  • agevolare la ricerca: rendere disponibile una elevata quantità di dati  per gli istituiti di ricerca, i quali possono migliorare la propria attività sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo;
  • favorire lo sviluppo di imprese specializzate: permettere alle imprese specializzate del settore di sviluppare appositi sistemi che, rielaborando i dati in maniera opportuna, li rendano appetibili per il mercato.
Per questo la Giunta Comunale di Milano ha approvato la Delibera contenente le Linee d'indirizzo per la realizzazione del progetto "Open Data" del Comune di Milano: in essa viene sancito il principio  che i dati  possono essere utilizzati  secondo il  sistema di licenze  "Creative Commons", consentendo all’utente  la possibilità di  riprodurre, distribuire,  trasmettere ed adottare liberamente e  gratuitamente i dati,  anche a scopi commerciali, a condizione che venga citata la fonte laddove necessario